Cake Pops: we all scream for icecream!

Cake Pops

Che le cake pops mi diano grande soddisfazione devo avervelo già detto… Non riesco davvero ad immaginare un modo più creativo-e gustoso-per far fuori degli avanzi di torta! Succede che dopo la torta per il Compleanno di Mattia io mi sia ritrovata con un po’ di crema cheesecake e con degli avanzi di torta al cioccolato… due dischi sottili per la precisione, avanzati dopo aver rifilato i due piani di torta in modo da pareggiarli ed avere una torta il più diritta possibile.

Avevo questa idea in testa da mesi, per la precisione da quando sono andata a Casa Abruzzo a vedere uno showcooking della mia amica Cookthelook. Curiosando tra i prodotti tipici abruzzesi ho visto questi piccolissimi coni di cialda. Vengono usati come decorazione per le coppe di gelato, ma a me hanno subito fatto pensare a delle piccole tortine a forma di cono gelato. Solo che su Milano non si trovano con facilità… ed ecco che Giorgia me ne ha regalati un po’ durante una sua trasferta milanese!

Il procedimento per fare le cake pops è semplice e lo trovate qui. Ho creato delle sfere molto piccole, in misura per i miei conetti di cialda. Le ho incastrate nei coni e poi ho ricoperto con cioccolato giallo (altro avanzo del compleanno di Tati!).

Qualche zuccherino colorato et voilà… Una merenda a tempo record!!!

Felicità #8

5 cose – piccole e sempre rigorosamente in ordine sparso – che rappresentano cosa per me è la felicità.

  • Arrivare a casa stanca a fine giornata e sdraiarsi sul divano. Nuovo. Enorme.
  • Le giornate autunnali di sole pieno. Che scalda le ossa e un po’ anche il cuore.
  • Uno skateboard. Di Star Wars. E gli occhi felici di Mattia quando lo ha visto.
  • Il profumo di una torta mele e cannella appena sfornata.
  • La mostra di Parreno all’Hangar Bicocca.

Felicità

Torta di compleanno: auguri Tati!

Nove anni. 9 anni di amore puro. 9 anni speciali tutti, speciali come te Mattia. Che ti meriti il meglio, e ti meriti più di quello che la vita ha deciso per te. Quest’anno niente tema vero e proprio per la tua festa, solo due colori, giallorosso, quelli della Roma. Un piccolo tifoso della Roma a Milano.

auguri_tati_invito

Un po’ di pazienza, un bel po’ di cartoncino e di laminato adesivo e la mia fidata Silhouette Portrait, qualche confezione in plastica porta confetti e tanti, tantissimi mm’s personalizzati. E così caramelle per la scuola e inviti per la festa li abbiamo sistemati!

Per la torta di compleanno invece ho fatto una sorta di mashup. Ho fatto una base di pandispagna al cioccolato (ricetta di Cookaround). Ne ho preparati due in teglie da 20 cm in modo da poterle poi farcire con più precisione, che quando taglio io le torte per farcirle proprio perfette non sono 😉

Per la farcitura invece ecco la mia super crema cheesecake. Ho preparato il pan di spagna lunedì, martedì ho preparato la cheesecake e l’ho versata sulla base di pan di spagna, usando l’anello di una tortiera a cerniera per mantenerla in forma. La sera ho appoggiato sulla crema solidificata l’ultimo strato di pan di spagna, ho ricoperto di pellicola e ho messo in frigo.

auguri_tati1Mercoledì, giorno del compleanno, ho ultimato la decorazione. Ho fatto colare del cioccolato colorato lungo i bordi della torta, ho ricoperto il sopra con altro cioccolato fuso e ho versato una pioggia di mm’s.  Poi ho usato questa tecnica per un tocco scenografico!

auguri_tati2

Junk Food Made Good: Come piace a me #13

Metti una notte di luglio… con un caldo inenarrabile ed un furgone da Paninaro. Metti un team di lavoro che in quello che fa ci mette passione ed entusiasmo. Metti un tema come l’ossessione per il cibo e rielaboralo in chiave healthy. Metti una rivista fresh&cool, per davvero.

Il risultato? Una vera bomba… Come piace a me!!!

Per il numero in uscita ora di Fucking Young ho collaborato come Food Designer ad uno shooting. Il tema del numero della rivista è l’ossessione e nel servizio l’idea era quella di lavorare sull’ossessione per il cibo, quella che ci porta di notte alla ricerca del panino con la salamella prima di tornare a casa per capirci…

L’idea era però di ribaltare un po’ questo luogo comune e di lavorare quindi su del cibo Junk reinterpretandolo in chiave vegetariana/vegana e più in generale healthy. Che non vuol dire necessariamente povero di calorie, ma fatto in casa con pochi e semplici ingredienti 😉

Ed alcune delle mie ricette che definirei Junk Food Made Good per il servizio:

junkfood

MEXICAN PIZZA – Vegan

Scaldare una tortilla, ricoprire con avocado schiacciato con un po’ di succo di lime, aggiungere pomodorini a fette, peperoncini freschi a rondelle, fettine di lime e coriandolo.

PAPAS BRAVAS – Vegan

Tagliare le patate a cubetti, saltarle poi in padella con olio di oliva a fuoco alto. Salare e pepare. Abbassare il fuoco, coprire e lasciar cuocere per circa 20 minuti. Aggiungere abbondante paprika. Mischiare della salsa di pomodoro con poco aceto bianco ed aggiungere alle patate. Alzare la fiamma e terminare la cottura. Servire con Ketchup e Maionese Vegan, preparata con latte di soia, olio di semi, sale, curcuma e succo di limone.

NOODLES PICCANTI– Vegan

Con un pelapatate julienne tagliare delle coste di sedano bianco ottenendo così dei noodles vegetali. Condirli con un filo d’olio e germogli di rafano. Aggiungere dei Wasabi Peas e completare con della senape.

fuckingyoung2

ENGLISH VERSION

I had to work on a food obsession- theme for a fashion shooting. So i came up with the idea of some Junk Food made healthy and vegan. It was really an amazing  experience. Here’s some pics and my recipes!

MEXICAN PIZZA vegan

Cook flour tortilla’s in a frying pan. Cover the tortilla with some smashed avocado. Top with some small tomaotes, fresh sliced jalapeno, coriander and small lime slices.

PAPAS BRAVAS vegan

Cut the potatoes into small cubes and fry them with some olive oil over high heat. Season with salt and pepper, reduce the heat, cover the pan with a lid and let cook for about 20 minutes. Add some smoked paprika. Mix some tomato puree with a hint of white vinegar and add the sauce to the potatoes. Roast the potatoes on high heat until brown golden and crispy. Serve with ketchup and Vegan Mayo. For the mayo use unsweetened soy milk, vegetable oil, salt, turmeric and lemon juice.

SPICY NOODLE Vegan

With a Julienne peeler turn some celery into long, raw, noodles. Toss with some oil and horseradish sprouts. Add wasabi peas and some mustard.

fuckingyoung

Credits: Sven de Vries at Marilyn Agency Paris in TAKEAWAY OBSESSION – Fashion Editor: Daniele Pellegrinetti – Food Designer: Kata Mashi – Make Up & Hair: Paolo De Vita – Photo Assistant: Andrea Bertolotti – Editor Assistant: Greta De Zani – Fashion Assistants: Flavia Roncolato & Federica Masci

I muffins più buoni del mondo

Metti un sabato, l’ultimo sabato, in Expo. Metti uno showcooking al Cluster Cacao e Cioccolato in Expo 2015 Milano. E mettici pure che è Halloween. Quale occasione migliore per un dolcetto o scherzetto a modo mio?  I miei Muffins Più Buoni del Mondo sono un dolcetto eccezionale e contengono uno “scherzetto”: zucchine! So che a prima vista l’abbinata zucchine e cioccolato non sia, come dire, attraente… Ma fidatevi, otterrete dei muffins super cioccolatosi, leggeri anzi leggerissimi perché quasi senza grassi, totalmente goduriosi. E se direte a qualcuno che sono fatti  con le zucchine vi prenderanno per dei burloni!

I muffins più buoni del mondo

Ingredienti

2 uova
120 ml olio di cocco
200 gr zucchero di canna
130 gr di Farina 00
½  cucchiaino lievito per dolci
½  cucchiaino bicarbonato
45 gr cacao non zuccherato
225-250 gr di Zucchine a Julienne
1 manciata di gocce di cioccolato

Come si fa

Per prima cosa è importante che le zucchine perdano un po’ della loro acqua di vegetazione. Io le metto in uno strofinaccio e lo attorciglio stretto in modo da asciugarle un po’.

In una ciotola monto le uova con lo zucchero di canna. Quando sono ben montate aggiungo l’olio di cocco (oppure olio vegetale).

In un’altra ciotola mescolo tutti gli ingredienti secchi, quindi farina, lievito, bicarbonato, cacao e una manciata di gocce di cioccolato. Mischio gli ingredienti secchi con quelli liquidi e aggiungo le zucchine a julienne. Se l’impasto fosse troppo denso (spesso dipende dalla grandezza delle uova usate) aggiungo un po’ di latte (o acqua calda) in modo da renderlo più fluido.

Verso in una teglia da muffins e poi via in forno caldo, 180°, per 20-25 minuti.

Una spolverata extra di cacao ed i Muffins più buoni del mondo sono pronti!