A lezione da Iginio Massari: Come piace a me #18

Iginio Massari

Come cantava Whitney Houston “I learned from the best, I learned from you” ed è esattamente così che si sente chi ha l’onore di assistere ad una lezione di Iginio Massari… Non a caso il Maestro è il Maestro!

Negli ultimi anni MasterChef lo ha consacrato come il giudice più temibile per quanto riguarda la pasticceria, ma Massari è molto, molto di più.

E’ uno straordinario pasticciere, certo, ma al tempo stesso è un uomo di scienza, un vero ingegnere del gusto.  Riesce a fondere un approccio scientifico ad una grande cultura, alla ricerca storica e soprattutto al gusto e all’amore per il bello.

Una lezione con lui sulle tecniche di base della pasticceria non è solo una lezione, è come assistere ad una performance. I suoi gesti, i suoi sguardi, i suoi commenti… E soprattutto la sua ironia sono impagabili.

Ho capito un sacco di cose passando una giornata con lui. Ma soprattutto la sensazione che mi è rimasta addosso è che grazie ai suoi insegnamenti preparare bignè, frolla, pan di spagna e quant’altro sarà una vera passeggiata!

Perché il Maestro Massari al lavoro ha questa dote: fa sembrare tutto stupendamente semplice. Pochi gesti, veloci e decisi ed ottiene prodotti meravigliosi. E mentre lo guardi ti sembra davvero che replicare quelle sue creazioni sia qualcosa di facile.

Iginio Massari

Le sue creazioni, i suoi dolci, hanno una semplicità apparente che è quasi disarmante. Decorazioni molto pulite, forme essenziali. Una semplicità che è davvero il punto di arrivo di un percorso lungo e complesso. Non è una semplicità di base, ma la sintesi della complessità.

Discorsi filosofici, pensieri e riflessioni che nascono guardando una crostata. E scusatemi se è poco!

La buona notizia è che queste lezioni sono davvero aperte a tutti… virtualmente! Se anche voi volete imparare le basi dal migliore non dovete fare altro che sintonizzarvi su Cielo stasera alle 21.15.

Eh già perché ogni settimana, prima delle puntate di Master Pasticcere di Francia 2, il Maestro Iginio Massari spiegherà a tutti i telespettatori come realizzare alla perfezione le preparazioni di base della pasticceria.

Prima lezione: il bignè. Ovvero uno dei miei storici talloni d’Achille, almeno fino a prima di questa lezione con Massari!

Iginio Massari

Torta del buonumore al cioccolato ( in collaborazione con il brand Scotch-Brite® 


In inglese si chiama Depression Cake. È una ricetta senza latte, burro o uova nata negli anni 30 durante la Grande Depressione, quando questi ingredienti erano molto costosi e difficili da reperire. Oggi diremmo che è una torta vegana, senza latte, burro o uova… Come cambiano i tempi no? Per me è una sorta di torta del buonumore naturale perché è leggera, perfetta per una colazione o una merenda e posso mangiarne doppia (o tripla!) porzione senza sentirmi troppo in colpa 😉

In più è davvero facilissima da preparare, uso solo una delle mie super teglie inglesi in alluminio così passa dal forno direttamente in tavola!

torta-buonumore1

Ingredienti

Per la torta:
200 gr di farina autolievitante
100 gr di zucchero di canna
30 gr di cacao amaro
1 cucchiaio di bicarbonato
40 gr di olio di cocco
10 gr di aceto bianco
acqua qb

Attrezzatura:
1 teglia smaltata
1 spugnetta Scotch-Brite® Extreme

Come si fa

1 – Metto farina, zucchero e cacao nella teglia. Mescolo bene con un cucchiaio e schiaccio eventuali grumi.

2 – Faccio due piccoli buchi (uno più grande ed uno piccolo) nella miscela di ingredienti, un po’ come quando si prepara la pasta in casa e bisogna fare un buco per le uova… Solo che in questo caso nei due piccoli “crateri” vado a mettere l’aceto bianco da un lato o l’olio di cocco sciolto nell’altro.

3 – A questo punto ricopro tutto con dell’acqua. Ne uso circa una tazza, ne verso un po’ alla volta ed inizio a mescolare tutto con una forchetta. Quando l’impasto è omogeneo uso una piccola frusta per essere sicura di amalgamare al meglio tutti gli ingredienti.

4 – Metto la mia teglia nel forno caldo, modalità statica a 180° e lascio cuocere per circa 40 minuti. Come per tutte le torte vale la prova stuzzicadenti, quando esce asciutto la torta è pronta!

5 – Decoro in modo molto semplice con polvere di lampone disidratato e qualche fiore commestibile… dato che è una torta semplice mi piace non “caricarla” troppo ma potete decorarla con panna o con una glassa al cacao oppure servirla con del gelato o della frutta fresca… qualunque cosa la vostra fantasia vi suggerisca!

Lascio raffreddare la mia torta Anti-Depressione nella teglia, resistendo alla tentazione di tagliarne subito un pezzetto!!! Quando è ben fredda la sformo.

torta-buonumore2

torta-buonumore3

Una torta davvero facile… perfetta anche per i vegani e soprattutto facilissima da preparare anche quando il frigo è vuoto!

Certo l’impasto che sporca i bordi della mia teglia si brucia e resta parecchio incrostato ma per fortuna ho la soluzione giusta… Niente più ammollo e paglietta, adesso basta una sola passata e la mia teglia è pronta per affrontare nuove #ricettextreme.

torta-buonumore4

Prova subito la nuova spugnetta Scotch- Brite® Extreme e scarica il buono sconto su https://www.facebook.com/ScotchBriteItalia