Torta Miranda: una non-torta all’anguria

Io con le mie torte ed i miei dolcetti ho un legame affettivo vero e proprio… Le considero delle mie creature e mi ricordo quasi sempre quando è nata una determinata ricetta e per chi…

La mia Torta Miranda è nata nel lontano 2013… in questi mesi… Cercavo su Pinterest una torta per Alexis, che non può in nessun modo mangiare latticini.  Volevo per il suo compleanno qualcosa che non solo potesse mangiare ma che fosse anche scenografica e con quell’effetto sorpresa del “niente è come sembra!” che mi piace aggiungere…  Mi sono imbattuta in questa Non-Torta, una Anguria travestita da torta. Geniale! L’ho “adottata” subito e l’ho rimaneggiata in diverse versioni… l’ho ribattezzata “Torta Miranda” come omaggio proprio a Carmen Miranda che nell’immaginario collettivo è sinonimo di copricapi e abiti tutti all’insegna della Frutta tropicale!

E’ perfetta per le temperature estive (niente forno… evviva!!!), è  un dolce di grandissimo effetto, è leggero e perfetto per vegetariani e – udite, udite- anche per vegani!

Torta Miranda: una non-torta all'anguria

Ingredienti

1 anguria di medie dimensioni (ma anche melone o ananas)
1 lattina di Crema di Cocco
50 gr di Farina di Cocco
4 cucchiai circa di zucchero a velo
frutta fresca o decorazioni di zucchero

Procedimento

Per prima cosa  dobbiamo preparare la finta panna di copertura! Bisogna lasciare per almeno una notte in frigorifero una lattina di Crema di Cocco (si trova nei supermercati più forniti  e in tutti i negozi etnici).

Quando è davvero ben fredda, la apriamo ed andiamo ad eliminare il più possibile la componente liquida (tipo acqua) che sarà in superficie. Versiamo il resto (la parte solida!) nella ciotola della planetaria o in una ciotola se si usano le fruste a mano. Attenzione, per ottenere un buon risultato è importante che ciotole e fruste siano belle fredde, riponetele in freezer prima di utilizzarle.

Iniziamo a montare la nostra Crema di Cocco, non monterà come la panna tradizionale ovviamente ma è importante che diventi un composto ben omogeneo. Aggiungiamo qualche cucchiaio di zucchero a velo (qui si va davvero secondo il proprio gusto, io ne aggiungo circa 4 ma potete usarne di più o di meno) e infine la farina di cocco. A seconda di quanto monterà la crema di cocco (dipende dalla quantità di grasso presente che cambia a seconda della marca che userete!) se ne aggiungono da 1 a 4 cucchiai cioè al massimo un 50gr e si mescola bene.

La crema è pronta, la mettiamo a raffreddare in frigorifero nella sua ciotola, coprendola con della pellicola trasparente.

Nel frattempo prendiamo l’anguria, tagliamo le due estremità per renderla piatta e con un coltello andiamo ad eliminare la scorza e cerchiamo di ottenere quanto più possibile un cilindro liscio. Se questa operazione è troppo complicata vi consiglio di utilizzare un melone od un ananas che sono più piccoli e più facili da maneggiare… l’ananas poi lo potete trovare in vendita anche già pulito e detorsolato 😉

Con della carta alimentare per fritti andiamo ad asciugare il più possibile la nostra anguria in modo da avere una superficie non troppo umida per la nostra copertura…

La nostra Miranda è pronta per… “farsi bella”! Prendiamo la crema al cocco e con la spatola iniziamo a ricoprirla. In questa fase è molto importante che la crema si attacchi per bene, bisogna fare un po’ di attenzione e per un lavoro più pulito è meglio metterne poca alla volta, farla raffreddare un paio di minuti in freezer (se è troppo grande, usate il frigorifero e pazientate qualche minuto in più!) e poi procedere con un secondo strato. Solo quando la nostra Non-Torta è ben coperta si può provvedere a lisciarla e renderla il più precisa possibile proprio come si fa con le mega torte in pasta di zucchero!

Per lisciarla potete usare le spatole apposite che si usano per lisciare le torte prima di ricoprirle con la pasta di zucchero appunto oppure la spatola od un coltello con una lama grande e piatta.  Lasciate la vostra Miranda a riposare e solidificarsi in frigorifero e decoratela solo quando è ben fredda. Frutta fresca, fiori commestibili, decorazioni in zucchero… scegliete voi!

No anguria no party

anguria1

Chi mi conosce bene lo sa, per me le feste a tema sono una sorta di religione… o forse sono solo una mia (sana) ossessione! Fatto sta che l’idea di avere un tema e lavorarci sopra fino ad arrivare ad un party tutto coordinato mi entusiasma sempre… Anche quando la festa non la organizzo io ma qualche amica! E’ stato così anche per Federica e per la festa per Camilla… Un tripudio di Angurie! E così mi sono intonata con queste Angurie di Meringa.

La ricetta base è questa.

La meringa per me è veramente un jolly… Più che un dolce la considero quasi una “materia” con cui lavorare, con cui scrivere, disegnare, inventare… Insomma ogni volta che mi metto a “meringare” sono una ragazza felice!

Mi è bastato aggiungere ai due terzi della meringa una punta di colorante rosa (ehm ho provato ad usare anche poco succo di anguria ma non ho avuto risultati soddisfacenti sia in termini di consistenza della meringa che quanto a sapore…), un pizzico di verde al resto e disegnare poi con la sac a poche delle fette di anguria.

Ho preferito disegnare un triangolo, uno spicchio di anguria piuttosto che la classica fetta pensando che per i bimbi fosse più semplice afferrarla e mangiarla!

Una manciata di gocce di cioccolato sparse sulla nostra fetta di meringa per dei semini… Una volta tanto i semini saranno golosi anziché fastidiosi!!!

anguria2