Pigne dolci

La festa di Irene si avvicina a passi da gigante… pochi giorni ancora e saranno 6 anni… La dolcezza di questo compleanno che si avvicina porta con sé inevitabilmente malinconia ed amarezza, come tutte le ricorrenze da quando mia sorella non c’è più. Ma per Irene ci saranno solo dolcezza, e sorrisi, e baci, e festa il più possibile come la vuole lei ed affogherò la mia malinconia tra torte, biscotti, inviti e decorazioni a tema. Ah, il tema! Animaletti del bosco… quindi volpi, procioni, scoiattoli, ricci e via discorrendo…. Mentre ero alla ricerca di idee per il tavolo dei dolci e per la decorazione della torta mi sono imbattuta in queste meravigliose pigne. Commestibili!

Pigne dolci, realizzate con pochi ingredienti. L’idea mi è piaciuta subito, non so se per via della Festa di Irene o per i pochi giorni sulla neve che mi aspettano a breve… La ricetta originale però mi convinceva poco, così ne ho elaborata una mia versione!

Sono un dolce perfetto da regalare agli amici patiti di montagna magari mettendolo in un barattolo di vetro ed usando del cocco grattugiato al posto della neve… Potete creare Pigne di diverse dimensioni, da piccoli bocconcini fino a veri e propri dessert monoporzione da mangiare al cucchiaio. Un filo di zucchero a velo (se usate del cioccolato meno amaro rispetto a quello che uso io o se non amate il cocco) vi garantirà l’effetto neve e per un tocco extra del glitter alimentare!

pigne_dolci 

Cosa serve per 4 pigne:
100 gr di panna fresca
100 gr di cioccolato extra fondente  (io ho usato un 85%)
cornflakes al cacao
cacao amaro

Come si fa
Si tratta sostanzialmente di preparare una Ganache al Cioccolato e di ricoprirla con i cornflakes in modo da ricreare le scaglie di una pigna!

Per prima cosa spezzetto il cioccolato e lo metto in freezer insieme alle lame del mixer. Dopo almeno una mezzora (ma potete anche mettere tutto in freezer la sera e preparare la ganache al mattino!) polverizzo il cioccolato con il mixer. Metto a scaldare la panna e spengo prima che raggiunga il bollore. Verso il cioccolato tritato nella panna e dopo circa un minuto lavoro il tutto con una piccola frusta fino ad ottenere una Ganache lucida ed omogenea.

Lascio raffreddare in frigorifero e poi lavoro esattamente come per i tartufi dolci prelevando un paio di cucchiaiate di impasto freddo e creando una specie di cono. Mi aiuto con del cacao in modo da rendere la ganache meno “appiccicosa”. Appoggio i 4 coni su di un piattino e li metto in frigo a solidificare ulteriormente. Quando sono ben freddi li ricopro con i cornflakes al cacao, incastrando i cereali uno alla volta partendo dalla base fino ad arrivare in cima.

3 minuti di dolcezza: guarda il video della ricetta

A Carnevale ogni scherzo vale…

E questo davvero non è male… soprattutto è  a fin di bene! Ora, alzi la mano chi si ritrova davanti un piatto di barbabietole e dice “evviva, ne voglio ancora?”.  A dire il vero io faccio parte della categoria, ma intendevo dire alzi la mano chi ha un bambino che di fronte a delle barbabietole reagisce con entusiasmo e chiedendo il bis… Eppure le barbabietole sono un super food, ricche di sali minerali, vitamine, antiossidanti e chi più ne ha più ne metta. Insomma, è cosa buona e giusta cercare di portarle in tavola.

Cosa c’entra Carnevale e cosa c’entrano gli scherzi con le barbabietole, vi direte?

No, non voglio suggerirvi di creare un travestimento da barbabietola per i vostri bambini, che di sicuro vestirli da rapa rossa assicurerebbe loro qualche anno di terapia dallo psicologo da adulti, con conseguente recriminazione verso di voi, che anziché vestirli da zorro o da fatina li avete vestiti da barbabietola e non voglio responsabilità su traumi infantili!!! Voglio però suggerirvi di “travestire” le barbabietole e di nasconderle in qualcos’altro… Come ad esempio questa golosa e goduriosa Torta al Cioccolato.

Che dentro ha molte barbabietole. Non si vedono ovviamente e soprattutto non si sentono. Anzi, il retrogusto un po’ terroso della barbabietola esalta ed enfatizza il sapore del cacao. Così potrete ingannare i vostri bambini (ma non solo!) e fargli mangiare barbabietole a colazione e a merenda senza che nemmeno se ne accorgano. E quando gli rivelerete lo scherzetto secondo me non vi crederanno neppure tanto è buona e morbida e golosa questa torta!

Insomma, un vero Barba-Trucco!

barbacioccolato_carnevale

Ingredienti
400 gr barbabietole cotte (io le compro già bollite e sottovuoto al supermercato)
250 ml olio di semi
3 uova
225 gr di zucchero
225 gr di farina autolievitante
100 gr di cioccolato fondente
1 cucchiaio di cacao
vaniglia qb
sale qb

Come si fa

Per prima cosa tagliate a cubetti le barbabietole, salvando eventuale succo e mettendo tutto nel mixer. Frullate ed aggiungete a questa purea di barbabietola (che fa un po’ Dexter come genere!), mescolando a mano, l’olio, un pizzico di sale e le uova incorporandole una alla volta. A questo punto misceliamo gli ingredienti secchi a questo composto. Scegliete l’ordine che preferite, potete farlo a mano o con le fruste elettriche o usando la planetaria…

Sciogliete il cioccolato in microonde o a bagnomaria ed aggiungetelo all’impasto. Se fosse un po’ troppo duro (dipende da quanto sono “succose” le barbabietole!) potete aggiungere un filo di latte.

Adesso tortiera imburrata e infarinata e via in forno caldo, 180°, per circa 30’. Generalmente dopo 20’ io faccio la classica prova stecchino e mi regolo poi su quella per il tempo di cottura definitivo.

La torta è pronta, potete lasciarla pura e semplice così come esce dal forno oppure farcirla (io ho usato una crema al formaggio) e decorarla con una glassa al cioccolato.

Voglio fare un regalo alla Befana

La Befana, cara vecchietta,
va all’antica, senza fretta.

Non prende mica l’aeroplano
per volare dal monte al piano,
si fida soltanto, la cara vecchina,
della sua scopa di saggina:
è così che poi succede
che la Befana… non si vede!

Ha fatto tardi fra i nuvoloni,
e molti restano senza doni!

Io quasi, nel mio buon cuore,
vorrei regalarle un micromotore,
perché arrivi dappertutto
col tempo bello o col tempo brutto…

Un po’ di progresso e di velocità
per dare a tutti la felicità!

E con questa poesia di Gianni RodariAuguri a tutti, con una calza della Befana speciale: un biscotto di frolla che nasconde al suo interno caramelline e mini confetti di cioccolato!

BEFANA FOTO VASSOIO

Cioccolata in palla

CIOCCOLATA IN PALLA

…ovvero la cioccolata in tazza pronta per essere scaldata e sorseggiata… subito dopo averla staccata dall’albero di Natale!
Un’idea last minute per un regalo da mangiare che scalda il cuore… e anche la pancia!!!!
L’ho proposta pochi giorni fa durante la trasmissione DettoFatto, si tratta della Cioccolata in palla.
L’idea è semplicissima, comprate delle palline per l’albero di Natale in vetro, meglio se trasparenti e col gancio apribile. Togliete il gancio, lavatele con cura con acqua tiepida e sapone e lasciatele asciugare.
Preparate un mix per la cioccolata calda (vedi ricetta sotto!) e usando un piccolo imbuto o una sac a poche riempite le palline di vetro. Calcolate 3 cucchiai belli colmi di mix per cioccolata calda a persona.
Aggiungete gocce di cioccolato, decorazioni a tema in zucchero e poi sbizzarritevi… Meringhe sbriciolate, granella di nocciola o mandorla, cocco disidratato, mini marshmallow, caramelle sbriciolate… Sperimentate gusti e abbinamenti!!!
Chiudete con il gancio et voilà… la Cioccolata in Palla è pronta!
Chi la riceve dovrà solo riaprila, svuotarne il contenuto in un pentolino, aggiungere una tazza di latte (125 ml) ogni 3 cucchiai di mix e lasciar bollire per qualche minuto fino ad ottenere la cremosità desiderata!
Una sola accortezza, chiudete bene il gancio altrimenti quando le consegnate rischiate che con il peso della cioccolata tutto finisca a terra, come è successo alla mia amica Miride che si è ritrovata con una cioccolata… sul parquet!

PALLA MIRIDE

Ingredienti:

CIOCCOLATA FONDENTE
100 gr cioccolato fondente ( minimo 55% meglio se 70%)
40 gr cacao amaro
70 gr zucchero semolato
70 gr fecola di patate
Pizzico di sale

CIOCCOLATA AL LATTE
100 gr cioccolato al latte
20 gr cacao amaro
60 gr zucchero semolato
60 gr fecola di patate
Pizzico di sale

CIOCCOLATA BIANCA
100 gr cioccolato fondente bianco
50 gr zucchero semolato
50 gr fecola di patate
Pizzico di sale

Procedimento
Mettere le lame del mixer e il cioccolato in freezer per almeno 15 minuti. In questo modo si ritarda la comparsa del calore delle lame che ruotano e che andrebbero a sciogliere il cioccolato. Polverizzare con la funzione pulse il cioccolato ed aggiungere il cacao (tranne che nel caso della cioccolata bianca!). Versare la miscela ottenuta in una ciotola. Mettere nel mixer zucchero fecola e un pizzico di sale. Polverizzare sempre con la funzione pulse e mischiare poi al contenuto nella ciotola.Volendo si può eliminare la Fecola ed ottenere così un preparato istantaneo che non va bollito ma semplicemente sciolto in una tazza di latte caldo.

Cioccolata fuori tazza

CIOCCOLATA FUORI TAZZA 2

“Baby it’s cold outside”… canterebbe Dean Martin in un brano senza tempo che fa subito Natale, anche se di fatto non è una canzone natalizia…
L’atmosfera però è proprio quella. Fuori lucine che scintillano lungo le strade, quel freddo pungente che ti fa stringere nelle spalle per nascondersi meglio nel bavero della giacca, e la neve che intanto fiocca abbondante… Dentro Dean Martin che canta, il caminetto acceso, un divano comodo su cui accoccolarsi con una bella tazza e una ancor più bella confezione di cioccolata fuori tazza!!! Ok ok ok lo so. Non siamo dentro un film di Natale, fuori non nevica e le luminarie negli ultimi anni con la crisi è più il tempo che restan spente che quello che sono accese.
Ma sulla Cioccolata fuori tazza invece non si scherza… E’ un regalo perfetto per i dipendenti da cioccolata (come me!), ma anche un regalo da farsi per regalarsi una coccola tutta per sé.
La ricetta è come sempre molto semplice… E come sempre si parte da una preparazione base che può poi essere aromatizzata e personalizzata in molti modi. Io ad esempio vado pazza per quella bianca e speziata. Insomma, provate, sperimentate, assaggiate, regalate… e fatemi sapere come va!

CIOCCOLATA FUORI TAZZA

Ingredienti:
170 gr latte condensato (1 tubo)
60 gr panna
300 gr cioccolato fondente (cioè 3 tavolette)
Bastoncini in legno tipo ghiacciolo
Decorazioni in zucchero

Mettiamo il latte condensato e la panna a scaldare a fuoco lento e li portiamo fino all’inizio del bollore. Nel frattempo prepariamo il cioccolato, sminuzzandolo con il mixer. Per evitare che il calore delle lame scaldi il cioccolato e inizi a scioglierlo, metto sempre tavolette e lame in freezer per una mezz’ora prima di utilizzarle. Quando latte e panna sono quasi a bollore spegniamo il fuoco e aggiungiamo il cioccolato tritato, iniziando a mescolare con un frustino. Dobbiamo ottenere la consistenza di una ganache, omogenea e lucida! Per fare meno fatica (lo so, sono una gran pigrona!) si può lasciare il cioccolato a mollo nel pentolino senza mescolare per 5’ in modo che inizi da solo a sciogliersi e dare poi una mescolata velocissima solo alla fine.
Si mette il composto al cioccolato in sac a poche e poi si versa in uno stampo in silicone. Con questa ricetta vengono 10 cubi di cioccolata, usando uno stampo in silicone con cavità da 3,5 x 3,5. Il cubo per questa Cioccolata fuori tazza è la mia forma preferita, ma si può usare lo stampo che si preferisce, anche i pirottini da muffin!
Incastriamo uno stecchino da gelato in ogni cubo e lasciamo raffreddare a temperatura ambiente, poi mettiamo in frigo per una notte.
La nostra Cioccolata fuori tazza è pronta per essere sformata e confezionata! Potete usare sacchettini di cellophane per uso alimentare, ricoprire con la stagnola che si usa per i cioccolatini o persino incartare con carta forno e carta formaggi…
E con quel che resta nel pentolino ecco dei fantastici Cucchiai… Vi basta prendere un po’ del composto, appoggiarlo nell’incavo di un cucchiaio e decorare con granella e perline di zucchero. Confezionate con del cellophane ed ecco un tocco cioccolatoso per rendere speciale il caffè di tutti i giorni!

3 minuti di dolcezza: guarda il video della ricetta