Meringhe Girls: come piace a me #10

Meringhe Girls

Che io sia una fan di queste fanciulle è risaputo… Adoro le loro Meringhe, una esplosione di aromi inaspettati e soprattutto un colpo d’occhio da lasciare senza fiato… Un arcobaleno di Meringhe che ti fa venire voglia di glitter, unicorni e minipony!!!!

Circa un mese fa ho avuto la fortuna di partecipare ad una loro masterclass, nel loro quartier generale a due passi da Broadway Market. Ho visto il loro laboratorio così tante volte, nei loro libri, nei loro video, su Instagram, sul loro sito che quasi mi pareva di aver già cucinato lì!

Ad accogliere me e altre 6 ragazze ecco Stacey, una metà delle Meringue ed è stata lei a fare da padrona di casa e a coccolarci con prosecco, stuzzichini salati e naturalmente meringhe in abbondanza!

Il corso è veloce, circa 3 ore in cui viene spiegato passo a passo come realizzare le meringhe secondo la loro ricetta. La principale differenza rispetto alle comuni ricette per meringhe riguarda lo zucchero. Usano zucchero semolato, leggermente scaldato in forno. L’interno della meringa resta più umido rispetto ad esempio alla mia ricetta di base in cui viene usato zucchero a velo.

Un’altra cosa utile è stata poter testare i loro aromi, tutti naturali… io ad esempio ho creato delle meringhe melograno e cioccolato e devo dire che mi Stacey mi ha fatto venir voglia di mettermi a creare nuove combinazioni di gusto.

Abbiamo cucinato, chiacchierato, mangiato, bevuto, ascoltato buona musica… Una sorta di serata tra ragazze come clima…

Meringhe Girls

E alla fine oltre a quelle che ognuna di noi ha preparato siamo state riempite di meringhe fatte da loro per cui sono tornata a casa con una sessantina di meringhe suddivise in sacchetti, sacchettini e scatole. E i miei amici londinesi hanno apprezzato molto, diciamo che abbiamo fatto colazione pranzo e cena con meringhe per molti giorni!!!

Come ho spiegato a Stacey per me lei e Alex sono davvero fonte di ispirazione. Da molti anni oramai. Vedere il loro nuovo libro e scoprire che racchiude qualche dolcetto che –con ricetta magari diversa- preparo anche io da anni mi ha reso felice e orgogliosa del mio piccolo, piccolissimo percorso.

Non so quanto Stacey abbia capito il senso del mio discorso, sulla ricerca del bello cucinando dolci creativi e senza pasta di zucchero… Ha sorriso, mi ha abbracciato e poi ha commentato “grazie davvero… io invece volevo dirti che mi piace molto come porti i tuoi sandali…”, ossia birkenstock  total black con calzino.  😉

Meringhe Girls

No anguria no party

anguria1

Chi mi conosce bene lo sa, per me le feste a tema sono una sorta di religione… o forse sono solo una mia (sana) ossessione! Fatto sta che l’idea di avere un tema e lavorarci sopra fino ad arrivare ad un party tutto coordinato mi entusiasma sempre… Anche quando la festa non la organizzo io ma qualche amica! E’ stato così anche per Federica e per la festa per Camilla… Un tripudio di Angurie! E così mi sono intonata con queste Angurie di Meringa.

La ricetta base è questa.

La meringa per me è veramente un jolly… Più che un dolce la considero quasi una “materia” con cui lavorare, con cui scrivere, disegnare, inventare… Insomma ogni volta che mi metto a “meringare” sono una ragazza felice!

Mi è bastato aggiungere ai due terzi della meringa una punta di colorante rosa (ehm ho provato ad usare anche poco succo di anguria ma non ho avuto risultati soddisfacenti sia in termini di consistenza della meringa che quanto a sapore…), un pizzico di verde al resto e disegnare poi con la sac a poche delle fette di anguria.

Ho preferito disegnare un triangolo, uno spicchio di anguria piuttosto che la classica fetta pensando che per i bimbi fosse più semplice afferrarla e mangiarla!

Una manciata di gocce di cioccolato sparse sulla nostra fetta di meringa per dei semini… Una volta tanto i semini saranno golosi anziché fastidiosi!!!

anguria2

Meringhe

Chi mi conosce lo sa, le Meringhe sono una mia vera passione… O forse sarebbe meglio dire ossessione!!! Mi sono innamorata delle meringhe a Londra, passeggiando per Broadway Market qualche anno fa. Tra i vari banchetti di street food e di prodotti a km zero uno in particolare ha catturato la mia attenzione. Quello delle Meringue Girls. Due ragazze, chef e food stylist, due creative del cibo che hanno messo tutta la loro passione ed il loro meraviglioso senso estetico dentro a… delle meringhe! Di sicuro non sono stata la sola ad accorgermi di loro, dato che da quel banchetto al mercato del sabato (banchetto che trovate tuttora lì!!!) sono passate a eventi, collaborazioni importanti, ospitate in tv e libri… Il loro primo libro è uno dei libri che guardo più spesso, è una vera fonte di ispirazione visiva! Sono in attesa del secondo e da quello che ho potuto vedere su Instagram mi innamorerò anche di quello!

Se l’ispirazione per la mia cotta per le meringhe arriva da queste due ragazze e dalle loro creazioni, la ricetta che uso come base è invece frutto di diversi esperimenti, tentativi e mix di vari procedimenti. Al momento è la mia preferita ma non escludo di incappare in altre “pozioni magiche per meringhe” lungo il mio cammino.

meringa1

Ingredienti – Ricetta di base:
2 albumi
zucchero a velo – dovete usarne tanto quanto pesano i due albumi!
1 limone

Per prima cosa taglio il limone a metà e lo strofino per bene all’interno della ciotola della planetaria. Aggiungo gli albumi e aziono, aumentando mano a mano la velocità. Dopo circa 10’ ottengo degli albumi ben compatti e molto sodi e a quel punto aggiungo lo zucchero a velo un cucchiaio o due alla volta. Questo è il solo momento critico per quanto mi riguarda, troppo zucchero tutto insieme e gli albumi diventeranno una massa liquida ed inutilizzabile. Quindi preferisco fare con calma e metterci magari qualche minuto in più ma non voglio rischiare di dover buttare tutto! Quando la meringa è pronta sarà lucida e compatta e formerà il classico becco d’oca sulla frusta della planetaria. A quel punto aggiungo la scorza grattugiata del limone o di un lime, aiuta secondo me a togliere il retrogusto troppo “uovoso” che ogni tanto possono avere le meringhe! Ora che sono pronte non ci resta che sbizzarrirci… per quanto mi riguarda passo del colore alimentare all’interno di una sac à poche e riempio poi con il composto, ottenendo delle striature non uniformi di colore sulle meringhe. Uso spesso le meringhe per fare delle lettere o delle scritte ma naturalmente possono essere fatte nella classica forma a “spumone”. Se non uso i coloranti capita spesso che le decori con fiori commestibili secchi, in particolar modo con dei tageti di diversi colori. Risaltano molto sul bianco della meringa e danno al dolce un retrogusto davvero particolare… Ma con le meringhe ci si può davvero sbizzarrire, possono essere fatte in diverse forme e colori… sky is the limit per dirla all’inglese!

meringa2