Biscotti di Natale (salati)

Ecco un regalino davvero perfetto per questi giorni di pranzi, cene, merende ed aperitivi… dei biscottini salati a forma di alberello di Natale che potrete preparare in anticipo senza fatica e che se confezionati in una ciotola natalizia vi faranno fare un gran bella figura!

Natale

Ingredienti

225 gr farina
100 gr farina di mandorle
200 gr burro morbido
50 gr parmigiano grattuggiato
1 uovo grande
cannella qb
sale qb

Lavoro il burro con il parmigiano, aggiungo le due farine e l’uovo, regolo di sale e profumo con la cannella. Ottengo una frolla salata, preparo una palla avvolta nella pellicola trasparente e metto in frigo per almeno mezz’ora.

Stendo la frolla, ritaglio i miei biscottini ed inforno a 180° per circa 10’. Mi regolo per il tempo di cottura in base alla grandezza della forma scelta.

Biscotti renna

Ve lo dicevo che Dicembre per me vuol dire biscotti su biscotti no? Quest’anno ho poco tempo libero e quindi ho optato per decorazioni semplici ma comunque d’effetto. Come questi biscotti Renna, non sono troppo carini?

Come si fa

Preparate una frolla per biscotti secondo la ricetta che preferite. Stendetela e ricavate con un coppapasta o utilizzando un bicchiere dei biscotti rotondi, io ho scelto 6 cm come diametro in modo da avere la faccia della renna proporzionale al naso rosso in cioccolato. Se usate delle lenti al cioccolato più grandi, magari con la nocciolina all’interno allora potete fare dei cerchi più grandi.

Cuocete i biscotti e quando saranno freddi, utilizzando una penna al cioccolato o caramello, fate un punto poco più in basso del centro del biscotto ed attaccate una lente al cioccolato rossa. Il naso è fatto! Disegnate gli occhi, stando vicini al naso e poi andate a disegnare le corna della renna. Io ho usato delle decorpenne con cui mi trovo molto bene, si trovano al supermercato nella grande distribuzione, ma se non le trovate potete lavorare con del cioccolato fuso ed uno stuzzicadenti o un pennellino. Facile no?

Ora non vi resta che preparare tanti sacchettini speciali per fare degli auguri tutti da mangiare… e mentre impacchettate vi consiglio di canticchiare “Rudolph the red nose reindeer… has a very shine nose….”!

Biscotti renna

Alberelli di Natale

Oh Christmas tree… Oh Christmas tree…Much pleasure thou can’t give me…

Ecco, questo è esattamente lo spirito natalizio giusto per preparare (e sgranocchiare!) i miei alberelli di Natale! Che, manco a dirlo, sono dolci, dolcissimi… e si mangiano come un ghiacciolo!

Come si fa

Preparate una base di meringa, poi si tratta di aggiungere un po’ di colorante alimentare verde ed poche gocce di essenza di menta (se vi piace, altrimenti la meringa neutra andrà comunque benissimo!). Mettete la meringa in una sac a poche con punta a stella media, appoggiate dei bastoncini di legno da ghiacciolo su una placca da forno foderate e con la sac à poche disegnate un albero lavorando come per scrivere delle “s”.

Decorate con zuccherini a tema o con zuccherini colorati, infornate a 100° per circa 1 ora. Saranno pronti quando la base si staccherà senza fatica dalla carta forno. Sono un regalo di Natale apprezzato da tutti, grandi e piccini!

Alberelli di Natale

Cactus’s tiramisù

In natura esistono circa 3000 specie di cactus… con le spine oppure senza, alti oppure piccolissimi, con fiori oppure senza. Il mio preferito? E’ così delicato che si mangia con un cucchiaio! E’ proprio il caso di dirlo: piantine così sono veramente… Succulente!!!

La ricetta è veloce, un tiramisù delicato, senza uova e impreziosito (è proprio il caso di dirlo visto il costo all’etto!!!) da un tocco di Pasta di Pistacchio. Per una versione più light provate ad eliminare il pistacchio e ad utilizzare Tea Matcha in polvere. Una seconda versione tutta da provare!

tiramisu

Ingredienti

PER I SAVOIARDI
1 uovo
30 gr farina
30 gr zucchero
1 cucchiaino di pasta pistacchio

PER LA CREMA
250 gr panna da montare
100 gr mascarpone
100 gr ricotta
50 gr pasta pistacchio
2 cucchiai di zucchero a velo

PER SERVIRE
Scatoline in latta o vasettini
Pirottini in alluminio o carta alimentare da incastrare nelle scatoline o vasettini

Preparazione

Per prima cosa preparo i savoiardi a forma di cactus. Uso una ricetta che potremmo definire “savoiardo express”, probabilmente i puristi dei savoiardi li preparano in un altro modo ma devo dire che con questa ricetta non ho mai avuto problemi! Monto l’albume a neve ben ferma in planetaria ed aggiungo lo zucchero.

In una seconda ciotola, sbatto a mano il tuorlo con la pasta pistacchio e lo aggiungo agli albumi.  Un giro di planetaria poi verso la farina setacciata direttamente sopra il composto e la vado ad incorporare a mano.

Metto tutto in sac a poche e vado a disegnare qualche biscotto a forma di cactus bidimensionale. Faccio anche qualche cerchio della misura della scatola (o del vasetto) in cui servirò il mio tiramisù.

Mentre i savoiardi cuociono in forno (statico, 180° per 8-10 minuti) preparo la crema.

Monto la panna, la zucchero leggermente e poi incorporo mascarpone, ricotta e pasta pistacchio.

Gli ingredienti per questo speciale tiramisù ci sono tutti, non ci resta che comporlo! Prendo i cerchi di savoiardo, li bagno nel caffè e li vado a mettere nei pirottini alternandoli a strati di crema. Lascio raffreddare un po’ poi prima di servirli incastro i pirottino nelle scatoline o vasetti. Ricopro la superficie del tiramisù con un terreno fatto con biscotti al cacao sbriciolati e vado ad incastrare il savoiardo a forma di cactus.

Uova di Pasqua a modo mio

“Allora dato che come sempre avrai preparato e comprato troppe cose passo a prenderti” “Beh no dai non troppe, però se ti va…” “Ce la fai tra un’oretta?” “Ma certo, è praticamente tutto pronto…”

Un’oretta dopo. “Scendi?” “Sì sì metto la giacca e arrivo” “No perché da qui sotto pare tu stia facendo foto a qualcosa…”

Ho sempre sottovalutato questa mia idiosincrasia per le tende… In pratica sono controllata a vista! In quel caso poi avevo del tutto sottovalutato il tempo che serve per scattare una bella foto. O almeno che serve a me. Diciamo  che la fotografia non è il mio forte!

Pasqua 2012. Sono scesa sotto casa trafelata e mia sorella e i bimbi mi aspettavano in macchina. Ero in ritardo, decisamente. Ma non appena ho mostrato queste Uova di Pasqua sono stata perdonata.  Anzi, di più. “Voglio la foto anche io delle tue uova, che la mostro in ufficio!”

Quindi se avete qualcosa da farvi perdonare questo regalo da mangiare funziona alla grande! Ma va benissimo anche come “semplice” Regalo di Pasqua! O come Pesce d’Aprile se per farle utilizzate delle uova ricoperte di zucchero color … guscio d’uovo!

L’ispirazione l’ho presa da una delle food blogger che amo di più, www.raspberricupcakes.com, su Pinterest il suo ovetto di cioccolato farcito spopola da anni. Io volevo però qualcosa che fosse un dolce monoporzione vero e proprio e che si potesse gustare come un vero finger, senza bisogno di stare seduti a tavola. Perfette per una Pasqua, o una Pasquetta, all’aperto!

Quindi ho pensato di usare delle uova ricoperte di zucchero che possono essere tenute direttamente in mano e di riempirle con un Biancomangiare. Mandorle e cioccolato si sposano benissimo…

uova_pasqua1

Cosa serve
6 uova di cioccolato ricoperte di zucchero
500 ml latte di mandorla
30 gr zucchero alla vaniglia
100 gr amido di mais
pesca (sciroppata se non la trovate fresca!)

Come si fa
Per prima cosa devo rompere la calotta superiore delle uova. Uso un coltello da parmigiano e con molta attenzione (e molte scaglie mangiate!!) cerco di ottenere un bordo non troppo frastagliato.

Preparo il biancomangiare. Metto circa 300 ml di latte di mandorla con lo zucchero in un pentolino e metto sul fuoco. Mescolo il latte di mandorla rimanente con l’amido, poi lo filtro con un colino per evitare ogni grumo e quando il composto sul fuoco inizia a bollire lo aggiungo a filo. Con una frustra lavoro il biancomangiare e quando inizia ad addensarsi spengo il fuoco. Lo lascio intiepidire, mescolandolo con la frusta di tanto in tanto. Lo verso nelle nostre uova e appoggio un pezzetto di pesca a mo’ di tuorlo.  Con il biancomangiare che avanza preparo delle coppette monoporzione, perfette da congelare.

uova_pasqua2

Torta-regalo (alle mele)

Di mio sono specializzata, se così si può dire, in “regali da mangiare”. Questo significa che mi piace pasticciare, infornare e sperimentare dolci, dolcini e dolcetti che siano semplici ed allo stesso tempo scenografici, belli da vedere e buoni da mangiare appunto. Questa Torta in realtà non farebbe parte della categoria “regali da mangiare”… Semplice è semplice, oltretutto è buona, molto buona.  Bella è anche bella, vista così, in tutta la sua purezza. Ma non è particolarmente scenografica.

Eppure per qualcuno questa mia ricetta è stata un regalo. Lo scorso anno ho preparato questa torta per una festa a sorpresa tra ragazze. In quella serata ho avuto la fortuna di incontrare donne molto speciali. Tra risate, fiori tra i capelli e piume è stata davvero una serata da ricordare. Questa torta ha fatto il suo dovere, ha reso felice la festeggiata ed ha colpito le invitate. Caterina mi ha chiesto questa ricetta e quasi si è stupita quando senza nessun problema gliel’ho girata. E’ diventata la  sua torta preferita, mi ha scritto che considera questa ricetta un regalo e che ogni volta che la prepara pensa a quella serata con un sorriso.

Una torta di mele che fa sorridere, anche se non ha chissà quale forma stravagante ed originale, è comunque un regalo prezioso!!!

torta_mele_trucco

Ingredienti:
50 gr farina autolievitante
100 gr burro morbido
200 gr zucchero di canna alla vaniglia (per sapere come lo faccio vedi QUI)
2 uova
1 limone (solo la scorza)
400 gr purea di mele
1 mela a cubetti
cannella, noce moscata, zenzero, chiodi di garofano qb
sale qb

Per la crema:
150 gr formaggio spalmabile
50 gr burro
125 gr zucchero a velo

Metto il burro e lo zucchero a montare in planetaria fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungo un pizzico di sale, la scorza di limone ed un mix di spezie. Generalmente non lo preparo al momento ma uso una miscela già pronta per i biscotti allo zenzero. Usate le spezie che preferite nella quantità che preferite, potete usare anche solo cannella e zenzero in polvere oppure aggiungere un tocco di noce moscata per un gusto più pungente… aggiungo le uova, una alla volta, facendo attenzione che siano bene incorporate prima di passare alla farina. Ricordatevi di tanto in tanto di fermare la planetaria e con una spatola di andare a pulire per bene i bordi della ciotola. Verso la purea di mele e solo alla fine la mela a cubetti. Aggiungo la mela a impasto già pronto e la incorporo a mano con la spatola.

Verso il tutto in uno stampo a cerniera per panettone, quindi da 18 cm e dal bordo molto alto, ed inforno a 180° per circa 45’.

Questa torta è buonissima così com’è, ma mi piace abbinare alla sua morbidezza la cremosità di un frosting al formaggio. Con le fruste elettriche (o in planetaria!) lavoro il formaggio con il burro e lo monto il più possibile. Aggiungo quindi lo zucchero a velo in un paio di volte ed è pronta! Se volete potete aromatizzarla anche con della scorza di arancio o di limone, oppure con della cannella o (la mia preferita!!!!) con del caramello salato.

Pigne dolci

La festa di Irene si avvicina a passi da gigante… pochi giorni ancora e saranno 6 anni… La dolcezza di questo compleanno che si avvicina porta con sé inevitabilmente malinconia ed amarezza, come tutte le ricorrenze da quando mia sorella non c’è più. Ma per Irene ci saranno solo dolcezza, e sorrisi, e baci, e festa il più possibile come la vuole lei ed affogherò la mia malinconia tra torte, biscotti, inviti e decorazioni a tema. Ah, il tema! Animaletti del bosco… quindi volpi, procioni, scoiattoli, ricci e via discorrendo…. Mentre ero alla ricerca di idee per il tavolo dei dolci e per la decorazione della torta mi sono imbattuta in queste meravigliose pigne. Commestibili!

Pigne dolci, realizzate con pochi ingredienti. L’idea mi è piaciuta subito, non so se per via della Festa di Irene o per i pochi giorni sulla neve che mi aspettano a breve… La ricetta originale però mi convinceva poco, così ne ho elaborata una mia versione!

Sono un dolce perfetto da regalare agli amici patiti di montagna magari mettendolo in un barattolo di vetro ed usando del cocco grattugiato al posto della neve… Potete creare Pigne di diverse dimensioni, da piccoli bocconcini fino a veri e propri dessert monoporzione da mangiare al cucchiaio. Un filo di zucchero a velo (se usate del cioccolato meno amaro rispetto a quello che uso io o se non amate il cocco) vi garantirà l’effetto neve e per un tocco extra del glitter alimentare!

pigne_dolci 

Cosa serve per 4 pigne:
100 gr di panna fresca
100 gr di cioccolato extra fondente  (io ho usato un 85%)
cornflakes al cacao
cacao amaro

Come si fa
Si tratta sostanzialmente di preparare una Ganache al Cioccolato e di ricoprirla con i cornflakes in modo da ricreare le scaglie di una pigna!

Per prima cosa spezzetto il cioccolato e lo metto in freezer insieme alle lame del mixer. Dopo almeno una mezzora (ma potete anche mettere tutto in freezer la sera e preparare la ganache al mattino!) polverizzo il cioccolato con il mixer. Metto a scaldare la panna e spengo prima che raggiunga il bollore. Verso il cioccolato tritato nella panna e dopo circa un minuto lavoro il tutto con una piccola frusta fino ad ottenere una Ganache lucida ed omogenea.

Lascio raffreddare in frigorifero e poi lavoro esattamente come per i tartufi dolci prelevando un paio di cucchiaiate di impasto freddo e creando una specie di cono. Mi aiuto con del cacao in modo da rendere la ganache meno “appiccicosa”. Appoggio i 4 coni su di un piattino e li metto in frigo a solidificare ulteriormente. Quando sono ben freddi li ricopro con i cornflakes al cacao, incastrando i cereali uno alla volta partendo dalla base fino ad arrivare in cima.

3 minuti di dolcezza: guarda il video della ricetta

Felicità #2

Capodanno è tempo di bilanci, di riflessioni, di progetti e buoni propositi…
Ultimamente non sono molto brava coi progetti a lungo termine per cui niente lista dei desideri per questo 2015 per me, più semplicemente ecco 5 cose – piccole – 5 momenti di felicità che mi auguro per l’anno appena iniziato.

Come sempre, in ordine sparso:

  • la bellezza dei fiori freschi. In ogni stanza della casa!
  • gli abbracci stretti stretti
  • il suono delle risate, di quelle genuine e cristalline
  • la sensazione del sole sulla pelle, che scioglie le tensioni dei muscoli e scalda fino alle ossa
  • una colazione speciale con un dolcino profumato e che sa di festa, come la mia mini fruit cake… tutti i giorni e non solo il 1 gennaio!

 CAPODANNO

Auguri da me… e dai piccoli aiutanti di Babbo Natale!

Sì, sono proprio fortunata… anche io come Babbo Natale ho dei piccoli aiutanti, due elfetti sempre pronti a mettere le mani in pasta per aiutare la Vecchia Zia (che sarei io!) a impastare, infornare, decorare e confezionare… Certo in cambio di questo aiuto non tutto finisce dritto nel forno e non tutto viene confezionato, ma da veri piccoli aiutanti fungono anche da assaggiatori!

Assaggiatori di… Auguri in questo caso! Sì, perché i miei auguri si mangiano!

Questi biscottini sono nati per il mercatino di Natale dell’Asilo proprio di Irene e Mattia e negli anni sono diventati una sorta di “cartolina d’auguri natalizia” per amici e parenti.

L’idea è semplicissima. Si prepara una base di frolla (qualunque ricetta va bene!), si stende e si ritagliano dei biscottini con dei tagliabiscotti natalizi. Sceglieteli piccoli piccoli, davvero a misura di bimbo! Ricordatevi di mettere per almeno mezzora in frigorifero i biscotti prima di infornarli, in questo modo manterranno la forma in cottura!

Mentre cuociono, stendete della pasta di zucchero colorata e ritagliate le stesse sagome. Sfornate i biscotti e quando sono ancora caldi ma non bollenti ricopriteli con le sagome in pasta di zucchero. Il calore fungerà da collante! Appena freddi poi ultimate la decorazione con perline di zucchero, cuoricini e zuccherini vari.

Dei sacchettini trasparenti per alimenti, cartoncini e carta a tema, un nastrino e… Auguri di cuore a tutti voi!

AUGURI DI NATALE

Cookies for Santa

IMG_2465

Quando cerco di spiegare a qualcuno cosa mi piace fare ai fornelli e cosa intendo per regali da mangiare nessun esempio è più efficace di questi biscotti!

Un barattolo di vetro che racchiude tutti gli ingredienti necessari per sformare dei biscotti golosi e fragranti. Voi regalate il vaso e chi lo riceve deve solo rovesciarne il contenuto in una ciotola, aggiungere un uovo, un po’ di burro e mischiare tutto.

Ho visto questi biscotti tanti anni fa sul blog di una talentuosissima baker americana, nientemeno che l’inventrice delle cake pops, Bakerella.  Li aveva preparati per una festa a tema western ma quell’idea lì mi è rimasta così impressa che pochi mesi dopo decisi di farne una versione tutta natalizia!

Era il Natale del 2011. I miei ricordi di quel dicembre sono molto legati a questi vasi speciali. La mia cucina è stata riempita da scatoloni di barattoli in vetro ordinati online, bilancia e cups americane per studiare la conversione migliore, scatole di avena in fiocchi, quadrati di stoffa rossa, elastici, noci e confezioni e confezioni di lenti al cioccolato con e senza nocciolina… In una ciotola finivano quelli rossi e verdi e in un’altra tutti gli altri colori!

Insieme a mia sorella e al piccolo Mattia abbiamo riempito, livellato, sigillato ed etichettato non so più quanti barattoli di questi Cookies for Santa. Per tutte le colleghe e amiche di mia sorella in Mediaset, per tutte le maestre all’asilo e più in generale per tutti quelli a cui volevamo fare gli auguri con un pensierino speciale.

Sono passati gli anni, la ricetta è rimasta invariata e credo lo resterà ancora a lungo… E’ una delle mie ricette del cuore, davvero made with love, e ogni Natale sono felice di riproporla!

IMG_2490

Ingredienti:
1 cup di Farina 00 (cioè 165 gr)
1 cucchiano di Lievito
1 pizzico di sale
1 cup di Avena in Fiocchi (cioè 90 gr)
1/2 cup di Zucchero di canna (cioè 100 gr)
1/2 cup di Zucchero bianco (cioè 100 gr)
Cioccolato in gocce (cioè 115 gr)
Lenti al cioccolato con e senza nocciolina ( circa 130gr)
Noci a riempire il vaso
Vaso in vetro da 1 litro

Dopo aver lavato (e sterilizzato se come me siete fissati con la sensazione di pulito!) con cura il vaso, create degli strati con i diversi ingredienti.

Posizionate sul fondo la farina, col lievito e il pizzico di sale. Poi aggiungete l’avena, quindi le gocce di cioccolato e le lenti colorate. Per accentuare lo spirito natalizio io uso lenti verdi e rosse e per il gusto uso anche quelle con nocciolina! Infine create i due strati di zucchero, mettendo prima quello di canna in modo che si compatti bene con il peso dello strato superiore cioè quello di zucchero bianco. Per finire potete usare delle noci per arrivare a riempire del tutto il vaso, oppure altre lenti di cioccolato. La quantità dipenderà dal volume delle lenti al cioccolato usato, inserendo quelle con le noccioline infatti rimarrà poco spazio per le noci, usando solo quelle piatte ne resterà di più. Chiudete con il coperchio, decorate il vaso come preferite e ricordatevi di allegare la ricetta!

Per fare questi biscotti bisogna solo rovesciare il contenuto del vaso in una ciotola capiente, aggiungere 1 uovo e 110 gr di burro fuso. Mischiare il tutto con le mani o con un cucchiaio di legno. Otterrete un composto poco omogeneo. Creare delle polpette con l’impasto, metterle su una teglia da forno e schiacciarle leggermente. Posizionate i biscotti ben distanti tra loro perché si allargheranno molto in cottura. Forno caldo, 180° per circa 6-8 minuti.