Persian Love Cake: una torta magica

Una torta che si porta appresso una leggenda, che profuma di spezie e di oriente e che ci trasporta un po’ nel mondo de “Le mille e una notte”.
C’era una volta una ragazza persiana che si innamorò follemente di un Principe. Per far sì che anche lui si innamorasse cucinò per lui una torta piena di ingredienti magici, una torta così meravigliosa che il Principe non avrebbe potuto far altro che ricambiare il suo amore.
Poter magici di questo tipo non so se ne abbia ma si dice che il cardamomo e lo zafferano abbiano proprietà afrodisiache per cui…
Di sicuro è un dolce che mi piace parecchio anche si ci ho messo un po’ per arrivare ad una ricetta che incontrasse i miei gusti… Sono partita da questi donuts perché volevo preparare dei piccolissimi dolcetti da servire con il caffè e li ho modificati leggermente. Il risultato mi soddisfa parecchio, risalta molto lo zafferano e il sapore della rosa è leggero e non sovrasta troppo. Insomma come sempre andate e sperimentate anche voi, che ogni aggiunta/sostituzione è la benvenuta!

persian

Ingredienti

110 gr farina autolievitante
110 gr di zucchero
110 gr di burro
40 gr di pistacchi sgusciati non salati
2 uova
1 cucchiaino di acqua di rose (si trova in fialette in alcuni supermercati oppure nei negozi etnici)
pistilli di zafferano
4 baccelli di cardamomo
scorza d’arancia
succo di limone

Ho montato in planetaria il burro con lo zucchero ed i pistilli di zafferano. Io ne ho usati una decina perché non erano particolarmente intensi come sapore, nel caso usaste dei pistilli dal profumo e dall’aroma molto forte usatene decisamente meno!
Ho pestato 4 semi di cardamomo e ne ho raccolto i semi che ho polverizzato insieme ai pistacchi nel mixer.
Ho aggiunto un uovo alla volta in planetaria, poi ho profumato con l’acqua di rose ed ho aggiunto i pistacchi, un cucchiaino scarso di succo di limone e la scorsa di mezza arancia. Per finire ho aggiunto la farina setacciandola.
Ho messo il composto in una sac a poche e ho riempito i miei stampi da mini donuts e qualche piccolo stampino in silicone a forma di ciambellina decorata, voi potete ovviamente usare la forma che preferite oppure versare l’impasto in una qualunque tortiera.
Forno ben caldo a 180° per circa 20 minuti.
Ho sformato i miei dolcetti solo quando si sono raffreddati, li ho ricoperti con una semplice glassa (succo di limone+zucchero a velo) e li ho decorati con granella di pistacchio e petali secchi di rosa frantumati (alimentari!!!).
Se il sapore della rosa vi piace potete intensificarlo, sia aggiungendo mezzo cucchiaino di acqua di rose in più all’impasto che utilizzandola per la glassa di copertura finale.

Cake Pops

1 STEP

Ovvero tortine da passeggio… o bocconcini sullo stecco… Chiamatele come vi pare ma fatele! Spopolano da un bel po’ di tempo oramai e il motivo è che sono semplici da fare e molto scenografiche! Soprattutto è una ottima soluzione per avanzi di torte o di biscotti che magari sono rimasti un po’ troppo all’aria e sono diventati possi!

L’impasto di base prevede: torta, meglio se rafferma, ridotta in briciole oppure biscotti ridotti in briciole e una crema. Si può usare quello che si preferisce e soprattutto che si ha a disposizione in casa.

Per me (dopo vari tentativi ed esperimenti!) la cosa migliore è usare come base del formaggio spalmabile e poi “insaporirlo” per abbinarlo al tipo di torta/biscotti utilizzati. Quindi se lavoro con una base al cioccolato, uso della ganache al cioccolato fondente stemperata in poco formaggio spalmabile, se mi è avanzata della torta di mele uso della purea di mele, incorporandola sempre al formaggio spalmabile, se è una torta di frutta l’abbinata è marmellata + formaggio spalmabile.

Le combinazioni possibili sono pressoché infinite e ognuno può sperimentare e scegliere in base ai propri gusti. crema pasticcera, panna montata, ma anche un paio di cucchiai di budino alla vaniglia o al cioccolato magari stemperati in un goccio di latte… Funziona tutto, quel che conta è riuscire ad avere un mix di briciole come parte secca e qualcosa di cremoso come parte umida!

Ai bimbi piace mangiarle naturalmente, ma si divertono anche a mettere le mani in pasta e a prepararle!

Si mette in una ciotola la componente secca ed un primo cucchiaio di crema, si gira col cucchiaio di legno. a questo punto l’impasto è un “mappazzone”, non è omogeneo ed è normale sia così! Si aggiunge un secondo cucchiaio di crema, si gira un po’ poi ci si rimbocca le maniche e si inizia a mescolare tutto con le mani.

Le dosi sono indicative, ci si deve un po’ regolare ad occhio perchè molto dipende dall’eventuale grado di umidità delle briciole. Facendo un paragone semplice, l’impasto deve più o meno avere la consistenza del salame di cioccolato, anche se deve essere più liscio.

Con l’impasto ottenuto si preparano delle palline. Si fanno a mano, proprio come si fanno le polpette! Se l’impasto tende ad appiccicarsi troppo alle mani si possono inumidire leggermente.  Via via che sono pronte, si appoggiano su un vassoio/piatto/teglia ricoperto con carta forno o con foglio di silicone.

2 STEP

A questo punto bisogna assicurare lo stecco alle nostre sfere di torta, perché siano delle vere Cake Pops!

Si possono usare i classici stecchini da lollipop che si trovano nei negozi per decorazioni dolci o casalinghi ben forniti, ma anche semplici spiedini di legno o i bastoncini in legno per i ghiaccioli.

Uso un po’ di cioccolato fuso per “incastrare” lo stecchino nelle pops. L’azione è semplicissima, si passa la punta dello stecco nel cioccolato fuso poi si incastra nella sfera, se è troppo con il dito si “lima” intorno allo stecco in modo che non si formi un grumo e si lascia solidificare.

3 STEP

Siamo alle fasi finali! In questa fase è importante avere tutto a portata di mano per lavorare velocemente e senza troppa confusione.

Ci serviranno: una ciotola con cioccolato fuso, le cake pops raffreddate, un appoggio in cui incastrarle a testa in sù una volta passate nella copertura. Si può usare del polistirolo oppure della spugna da fiorista, in questo secondo caso ricordatevi di ricoprirla con pellicola ed alluminio per evitare contatto col cibo.

Preparate anche le decorazioni che volete utilizzare, in questo caso usiamo perline di zucchero colorato.

Pronti, via!!! Si passa la torta nella copertura, si gira per bene per far scivolare via l’eccesso. Un trucco in questa fase e battere leggermente lo stecco sul bordo della ciotola per far colare la copertura di troppo. la stessa azione si può fare in modo più delicato picchiando non direttamente sullo stecco ma con una mano sul polso che tiene lo stecco.

Appena è pronta si incastra sul polistirolo/spugna da fiorista e si procede con le altre.

L’ideale è procedere a gruppi di 2-3. Quindi si preparano le prime 2-3 e poi si parte a decorare la prima, la cui copertura sarà non ancora asciutta ma nemmeno troppo bagnata!

4 STEP

Si ricopre con la granella colorata, verso la granella che ho messo in una ciotolina a pioggia sulla torta facendola girare e mettendola sopra una seconda ciotolina. Tutte le granelle che non si attaccano cadono nella seconda ciotolina che riutilizzo con la seconda Torta per gettare la granella a pioggia…

Con i fiori commestibili invece basta attaccarne uno sulla copertura ancora non perfettamente asciutta, oppure si può attaccarlo alla Torta ricoperta di granella usando il cioccolato fuso.

Sulle decorazioni vale sempre lo stesso discorso della fantasia… ci si può sbizzarrire!

Se una sfera cade nella ciotola, niente panico! Capita… Recuperatela con una forchetta e mettetela in un pirottino. Non sarà una Cake Pops ma una Pralina di torta!

Il mio principio di base è: non farsi intimorire troppo dalla ricerca della perfezione, tutto quello che è fatto a mano ed è fatto con amore è bello, non importa se le sfere non sono perfette… E’ bello che ogni Cake Pop sia un pezzo unico!

Come piace a me #1

COMEPIACEAME_01

VIOLET CAKES
47 Wilton Way
E8 3ED  London

Non è solo perché è vicino ad uno dei miei pub preferiti di tutta Londra, non è solo perché è stato segnalato nientemeno che da  Mr. Jamie Oliver, non è nemmeno per quel loro delizioso banchetto al Broadway Market… è che quel piccolo cubo bianco sulla Wilton Way è davvero un posto da non perdere.

Una piccola, piccolissima bakery dove il profumo delle torte appena sfornate ti accoglie, dove la cucina è a vista, dove ogni singolo elemento d’arredo è quello giusto… Adoro il packaging di ogni loro prodotto, semplice eppure assolutamente d’effetto.

Pochi tavoli per una sosta davanti ad un caffè e ad un dolcetto di quelli belli da vedere e buoni da mangiare… come piace a me!